Parlerò di te

/, Memorie/Parlerò di te

Parlerò di te

Annamaria Bianchi

PROSSIMA USCITA

Una poltrona e un divano in una stanza poco illumina-ta, due donne una di fronte all’altra. Il racconto di una storia. “È un caso strano!”, pensa Anna Giulia Manfredi quando incontra una donna che la implora di restituirle la voce. È una cantante lirica, e in Teatro deve interpre-tare la Tosca di Giacomo Puccini. Anna Giulia ha appe-na saputo di alcune lettere ritrovate dentro una valigia. Sono del Maestro. Parlano di una donna e di un amore segreto di cento anni prima. Il nome della donna è Giu-lia Manfredi. Una corrente invisibile trascina la prota-gonista verso una storia che pretende di essere scoperta. Tosca, la trisavola, conosceva bene Giacomo Puccini. Augusto, suo nonno, ha giocato a carte con lui in una partita storica. Mussolini lo ha proposto per la medaglia d’oro, ma lui l’ha rifiutata. Antonia ha due anime e un segreto. Noemi è una pianista che scopre di essere ebrea e non trova pace. Bonacato la segue e la protegge. Giovan-ni, arcaico signore barbaricino, è malato ai polmoni. Pietro è uno scultore alcolista. Nicola il pescatore ha i piedi palmati e vive in mare. Dalla seconda guerra mondiale a oggi. Da Lucca a Cagliari a Nuoro, la storia si dipana fino a Gerusalemme, la città bianca e oro. Luogo sacro dove si può incontrare Dio. Non quello che divide, ma quello che nasce con noi. Ognuno ha il suo.

Categorie: ,

Descrizione

Una poltrona e un divano in una stanza poco illumina-ta, due donne una di fronte all’altra. Il racconto di una storia. “È un caso strano!”, pensa Anna Giulia Manfredi quando incontra una donna che la implora di restituirle la voce. È una cantante lirica, e in Teatro deve interpre-tare la Tosca di Giacomo Puccini. Anna Giulia ha appe-na saputo di alcune lettere ritrovate dentro una valigia. Sono del Maestro. Parlano di una donna e di un amore segreto di cento anni prima. Il nome della donna è Giu-lia Manfredi. Una corrente invisibile trascina la prota-gonista verso una storia che pretende di essere scoperta. Tosca, la trisavola, conosceva bene Giacomo Puccini. Augusto, suo nonno, ha giocato a carte con lui in una partita storica. Mussolini lo ha proposto per la medaglia d’oro, ma lui l’ha rifiutata. Antonia ha due anime e un segreto. Noemi è una pianista che scopre di essere ebrea e non trova pace. Bonacato la segue e la protegge. Giovan-ni, arcaico signore barbaricino, è malato ai polmoni. Pietro è uno scultore alcolista. Nicola il pescatore ha i piedi palmati e vive in mare. Dalla seconda guerra mondiale a oggi. Da Lucca a Cagliari a Nuoro, la storia si dipana fino a Gerusalemme, la città bianca e oro. Luogo sacro dove si può incontrare Dio. Non quello che divide, ma quello che nasce con noi. Ognuno ha il suo.

L’autrice
Annamaria Bianchi, nata in Sardegna da madre profondamente sarda e da padre orgoglio-samente toscano, ha vissuto divisa fra le due terre amandole entrambe. Come farmacista ha lavorato con passione nel campo della Fitoterapia, dedicando molta attenzione alla relazione di aiuto e di cura tra paziente e terapeuta. Ha pubblicato Fitoterapia-Una prospettiva psico-biologica. Professore incaricato all’Università di Cagliari e docente di Master internazionali, psicoterapeuta di indirizzo junghiano e libera professionista, ama la letteratura, il cinema, l’arte e la buona musica. Viaggiando per il mondo, attratta dalle diverse culture e dalla diffe-rente umanità, fra le varie esperienze, ha navigato a vela fino alla Spagna e all’Africa. Parlerò di te è il suo primo romanzo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Parlerò di te”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi